Warning: Declaration of select_menu_walker::start_lvl(&$output, $depth) should be compatible with Walker_Nav_Menu::start_lvl(&$output, $depth = 0, $args = Array) in /web/htdocs/www.groovehouse.it/home/wp-content/themes/hot_topix/functions.php on line 322

Warning: Declaration of select_menu_walker::end_lvl(&$output, $depth) should be compatible with Walker_Nav_Menu::end_lvl(&$output, $depth = 0, $args = Array) in /web/htdocs/www.groovehouse.it/home/wp-content/themes/hot_topix/functions.php on line 322

Warning: Declaration of select_menu_walker::start_el(&$output, $item, $depth, $args) should be compatible with Walker_Nav_Menu::start_el(&$output, $item, $depth = 0, $args = Array, $id = 0) in /web/htdocs/www.groovehouse.it/home/wp-content/themes/hot_topix/functions.php on line 322

Warning: Declaration of select_menu_walker::end_el(&$output, $item, $depth) should be compatible with Walker_Nav_Menu::end_el(&$output, $item, $depth = 0, $args = Array) in /web/htdocs/www.groovehouse.it/home/wp-content/themes/hot_topix/functions.php on line 322
Aspettando TWINSCAPES: due chiacchere con Roberto Gualdi. “Ritmologia” e oltre… - Groove House

Aspettando TWINSCAPES: due chiacchere con Roberto Gualdi. “Ritmologia” e oltre…

Il 23 Novembre avremo il piacere di ospitare Roberto Gualdi in Groove House, con un seminario a numero chiuso rivolto a tutti i musicisti che vogliano focalizzarsi e approfondire l’idea e l’approccio al ritmo.

In attesa dell’evento, vi proponiamo un’intervista per conoscerlo meglio e avere un’anteprima su quali saranno gli argomenti dell’incontro. Roberto Gualdi è un musicista dalla carriera estremamente ricca, dalle collaborazioni come turnista con la PFM, Lucio Dalla, Dolcenera (a tanti altri…), fino all’attività didattica con un approccio musicale a 360 gradi ed estremamente rispettoso dell’espressività musicale. Ecco cosa ci ha raccontato…

Ciao Roberto,
il 23 Novembre sarai nostro ospite insieme a Lorenzo Feliciati e Colin Edwin, per una giornata ricca di groove.

Cosa ti diverte di più di suonare con due bassisti, per di più con due personalità così spiccate?
Diciamo che noi batteristi abbiamo sempre un feeling particolare con i bassisti…figurati con due…in certi momenti 2 bassi, batteria ed elettronica hanno una spinta notevole. Per me è molto stimolante vedere come Lorenzo e Colin si sono divisi le varie parti ed in che modo e con quali effetti hanno sopperito alla mancanza di tastiere o chitarra.
Con una battuta potrei dire che in un trio del genere l’ego personale è molto sotto controllo e si è molto attenti ad un risultato finale equilibrato. Nel classico power trio con chitarra si finisce con basso e batteria gregari del rampollo di nobili e divine discendenze… ovvero quello che di lui pensa il chitarrista. :-)) scherzo ovviamente.
Un altro aspetto molto interessante è quello timbrico; essendo abbastanza affollato il “dipartimento frequenze basse”, diventa importante per me non appesantire ulteriormente quella fascia di frequenze, in modo da rendere più leggibile il tutto.

La tua collaborazione con Lorenzo Feliciati è iniziata qualche tempo fa, che esperienza musicale vi lega?

E’ nata abbastanza casualmente. Ci siamo trovati presenti contemporaneamente in alcune fiere di strumenti, è capitato di suonare insieme e di trovarci insieme a cena, ed è stato piacevole, abbiamo scoperto di avere tanti dischi in comune e non solo quelli e c’è stata la voglia di approfondire sia il lato musicale e sia quello umano. Abbiamo realizzato prima un trio chiamato Neon Karma insieme a  Marco Sfogli e poi con l’arrivo di Guido Block, superbo cantante e compositore, abbiamo realizzato un album. Iil disco è pronto e già mixati e spero proprio che prima o poi esca. Con Lorenzo abbiamo anche suonato live con Giorgio Faletti e realizzato il suo disco “Da Quando A Ora”.
Oltre che essere un caro amico devo dire che averlo come compagno in sezione ritmica è sempre una bella sensazione di solidità e sicurezza.

Parlando nello specifico del tuo seminario “Ritmologia” sarà aperto a tutti i musicisti, non solo batteristi, quali sono per te gli aspetti universali della ritmica?

Il seminario si basa su tutta la mia esperienza, ormai più che trentennale di studente del ritmo in tutti i suoi aspetti. lo studio teorico occidentale risulta essere molto più sofisticato se parliamo di melodia ed armonia rispetto al ritmo. ho solo messo insieme tutto quello che ho trovato utile durante tutti questi anni e ho pensato ad una comunicazione ed esercizi che non fossero solo rivolti ai batteristi.
credo che la parola chiave sia Consapevolezza. la consapevolezza della gestione di pulsazione, suddivisioni, piramide ritmica e poliritmia utilizzando materiale che in uno studio di percussioni o in culture differenti sono di uso frequente. per fare un esempio uno dei punti fondamentali è di contare ad alta voce pulsazione e suddivisioni mentre si eseguono gli esercizi in modo da creare un “griglia” precisa dove appoggiare le note. con questo semplice sistema la nostra quantizzazione migliorerà sensibilmente.

Nel programma del seminario ci sono due punti molto particolari, il primo è l’approfondimento sul solfeggio indiano, come ti sei avvicinato a questa cultura?

Tutto ovviamente è nato per una grande interesse per la musica indiana, sia in forme più tradizionali come Ravi Shankar sia in forme più contaminate cone Trilok Gurtu o Shakti di John McLaughlin. Più che un approfondimento è un introduzione. il sistema di solfeggio indiano, o Konnakol, è un una sorta di solfeggio veramente sofisticato e padroneggiarlo è frutto di tanti anni di pratica. Io ho solamente preso il concetto di sillabe di numero differente per solfeggiare gruppi ritmici differenti e l’ho portato nel mio mondo occidentale. è un sistema di grande praticità per tempi dispari e gruppi irregolari.

Il secondo è lo sticking per chitarristi “Gamalan concepts”, in cosa consiste e a chi si rivolge?

Sticking è una parola usata in ambito batteristico per indicare la distribuzione dei colpi tra le mani. uno dei più grandi insegnanti di batteria Gary Chaffee ha teorizzato nel suo libro “Stickings” appunto, un sistema matematico estremamente utile per fraseggi poliritmici. Girando il tutto per strumenti a corde gli sticking diventano “diteggiature” ma è importante rubare il concetto e farlo proprio, quindi ho lasciato il termine sticking per non confondere, il Gamelan è una musica popolare tipica di Bali e Java eseguita con metallofoni, xilofoni, gong ecc. la cosa interessante è che magari tutti i musicisti coinvolti suonano arpeggi a sedicesime ma uno in 3/16 uno in 5/16, uno in 4/4 uno in 9/16 ecc. questo fa si che anche se ogni musicista esegue sempre la stessa parte ogni misura risulta diversa per la diversa combinazione poliritmica. Chitarristicamente e bassisticamente parlando questi concetti sono stati ampiamente usati in un meraviglioso disco dei King Crimson intitolato Discipline. Da ascoltare assolutamente!

Grazie per questa intervista e a prestissimo per la tua clinic e il concerto Twinscapes!
Grazie a voi e a presto e per domande:
www.robertogualdi.com, www.facebook.com/robertogualdiofficial


Seminario “Ritmologia” di Roberto Gualdi

23 Novembre 2014

presso Groove House

Via Andrea Costa, 20 – Gallarate (VA)

 

Il seminario riguarda la conoscenza e la gestione del ritmo in tutti i suoi aspetti ed è aperto a tutti gli strumenti

ARGOMENTI:
– Intro / Ritmo / Tempi
– Couning System
– Pulsazione / Suddivisione / Piramide Ritmica
– Il Click / Esercizi Consapevolezza Pulsazione e
Suddivisioni
– Controllo Figura Base Binario
– Controllo Figure Base Ternario
– Solfeggio Indiano
– Piramide Ritmica / Gruppi Dispari e Ritmi Irregolari
– Stickings For Guitar Players ( Gamalan concepts )
– Poliritmia

ATTENZIONE: Seminario a numero chiuso, per prenotazioni e info scrivere a info@agogica.it

Quota per la sola partecipazione al seminario: 15 € associati Agogica, 20 € non associati

Associati AGOGICA Non Associati AGOGICA
Biglietto OPEN (2 SEMINARI + CONCERTO) 40 € 55 €
Biglietto 1 SEMINARIO + CONCERTO Oppure 2 SEMINARI 25 € 35 €
Biglietto SOLO 1 SEMINARIO 15 € 20 €
Biglietto SOLO CONCERTO 15 € 20 €

A2 Edwin Feliciati_OK_web

You must be logged in to post a comment Login